TERRITORIO

La viticoltura del Salento si è sviluppata a partire, secondo l’opinione degli storici, dall’epoca antecedente il VIII e VI secolo A.C. Col passare del tempo la collocazione geografica dei due vigneti storici, il Primitivo e il Negroamaro, non è cambiata e rappresenta oggi la base della piattaforma ampelografica.

La Penisola Salentina è la parte meridionale della Puglia e si estende tra il mare Adriatico e lo Ionio: per la sua conformazione geografica viene definito il “tacco d’Italia”. E’ delimitato a nord dai rilievi delle Murge che raggiungono i 400 metri sul livello del mare e che declinano poi verso la grande pianura.

Il Salento è un territorio di tipo carsico dove le acque piovane, attraverso fenditure e cavità naturali, vengono convogliate nel sottosuolo costituiscono una importante riserva idrica. Il suolo è costituito da terra marnosa che contiene una giusta proporzione di sabbia, argilla, calcare e non è infrequente incontrare terre rosse e i terreni ricchi di scheletro costituito da conglomerati ghiaiosi. Il clima é temperato tipico delle zone marittime. I venti che soffiano da nord-est, determinano, durante i mesi estivi, una favorevole escursione termica tra il giorno e la notte, quindi condizioni climatiche particolari per un territorio a questa latitudine.

Produrre vini nel Salento significa integrarsi in questa suggestiva cornice di grandi tradizioni dove la cultura del vino si esprime in una delle forme più nobili d’Italia.

Condividi
Tweet
Condividi
+1